Lo Sapevi che...

le concentrazioni di contaminanti presenti negli ambienti interni sono generalmente da 1 a 5 volte maggiori a quelle presenti negli ambienti esterni?
Approfondisci

Informazioni o preventivi?

Puoi chiamarci allo [+39] 0385.938020 oppure

Contattaci direttamente

Alisea News

12/09/2017

Certificazione ANMDO

La gestione igienica degli impianti di trattamento aria è un elemento di fondamentale importanza, per garantire una corretta qualità dell’aria respirata in ambiente indoor.  Come molti sanno, a livello internazionale le linee guida più conosciute, complete ed evolute in questa materia sono le ACR 2013 della NADCA (The HVAC Inspection, Cleaning and Restoration Association – www.nadca.com ).

Leggi Tutto

07/07/2017

LEGIONELLA E TORRI EVAPORATIVE

Una torre di raffreddamento è uno scambiatore di calore gas-liquido nel quale la fase liquida cede energia alla fase gassosa, riducendo così la propria temperatura. L’argomento è di grande attualità in quanto le torri di raffreddamento sono gli impianti maggiormente a rischio per la proliferazione del batterio Legionella.

Leggi Tutto

La puzza di fritto diventa reato

La puzza di fritto diventa reato

In questi giorni è l’argomento di discussione sulla bocca di tutti. La puzza di fritto diventa reato: per la Cassazione è "molestia olfattiva", in 70mila si rivolgono all'avvocato.

Fonte la Repubblica, Caterina Pasolini – Ristoranti senza canna fumaria, vicini di casa perennemente ai fornelli: dopo la sentenza della Cassazione sulle molestie olfattive, nei condominii cresce la protesta per i cattivi odori. Ogni anno un milione di cause civili nascono da liti condominiali e quelle legate al cibo sono in continua crescita, sottolinea l'avvocato Matteo Santini, consigliere dell’ordine di Roma ed esperto in diritto condominiale che si è ritrovato più volte in questo campo a dirimere contese scaturite da intingoli e fritti, litigi tra culture alimentari diverse che rendono gli odori piacevoli o insopportabili. “Le proteste arrivano o per il vicino molesto o per il ristorante sotto casa le cui emissioni invadono il cortile, le scale comuni e le abitazioni perché molti locali non hanno le canne fumarie, non sono in regola con la legge. E sono tanti. Da qui le proteste, le richieste di danni morali e materiali”. Se si arriva al risarcimento, nelle cause tra vicini il danno può aggirarsi sui mille, millecinquecento euro. Se invece si tratta di un locale o di un ristorante la cifra cresce, e soprattutto i proprietari devono mettersi in regola con canne fumarie e affini: non è quindi mai da sottovalutare la rottura o la presenza di fessure nella canna fumaria che aspira gli odori della cucina. #Alisea Fuoco mira a prevenire ed eliminare il rischio di incendio e di malfunzionamento degli apparati dovuto alla presenza di depositi grassi, carbonizzati o viscosi. #Alisea adotta metodologie operative innovative: siamo in grado di garantire la completa rimozione di tutti quei residui grassi, carbonizzati o viscosi, che accumulandosi all’interno degli apparati di cucina ne compromettono il regolare funzionamento e provocano un elevato rischio di incendio. Utilizzando le tecnologie più moderne ed eco-compatibili, #Alisea ha elaborato un sistema di pulizia altamente efficace.